# T R E N D T O P I C

Se gergo trovo

La marca, il prodotto, il messaggio giusto per il target giusto: ecco il primo pensiero di un brand. Tutto qui? No.

Per quanto possa dimenticarsi del contesto e concentrarsi sull’offerta, un’azienda resta una costola della società: se prima era per lo più impermeabile all’attualità, oggi è disposta ad affrontare questioni solo in apparenza lontane dal proprio mondo. Perché solo in apparenza? Perché, per dirla tra i denti, tutto fa brodo. Anzi: tutto fa brand.

Una notizia è una fonte di interesse. E dove c’è interesse c’è condivisione. Se tanta gente ne parla diventa un “trend topic“: un argomento di discussione che scatena il web rimbalzando da un social all’altro.
Il fenomeno, figuriamoci, attira il marketing. Una strumentalizzazione? Chissà. In fondo il giudice è sempre il pubblico, e se il pubblico apprezza significa che l’operazione non è tendenziosa. Funziona e basta.

In questo Ceres è maestra: quando esce una notizia che fa rumore, il marchio della birra brilla per acume, ironia e tempismo, fattore chiave per far parlare di sé. Lo scorso 19 febbraio, dopo una partita di coppa tra la Roma di Garcia e il Feyenoord i tifosi olandesi hanno ben pensato di devastare il centro storico della Città Eterna, gettando bottiglie vuote e spazzatura in Piazza di Spagna. Ovviamente si è creato un tam tam di sgomento e indignazione, da Facebook a Twitter. Come ha risposto Ceres? Trasformando un trend topic in una straordinaria adv.

Anche la politica non è esente da attenzioni: Ceres si è fatta sentire anche dopo la sconfitta di Alessandra Moretti alle Regionali in Veneto. Mentre sui social spopolava il “te l’avevo detto“, il brand è uscito con una campagna divertente, riuscendo pure a tirare una “stoccatina” a un concorrente. Trattasi non più di guerrilla, ma di werrilla marketing. Tranquilli, ne riparleremo.

A volte nella trappola cadono le stesse aziende: tutti ricordano la frase di Guido Barilla sui gay e la famiglia tradizionaleI competitor non potevano non approfittare dell’effetto boomerang.
Restando in tema di pasta: in questi giorni sta facendo il giro del web la campagna di Rummo in risposta al trend topic #saverummo, dopo l’alluvione che ha devastato il pastificio campano. Un mare di retweet, per un messaggio capace di affrontare la drammatica realtà con il sorriso. Un altro caso di trend topic sfruttato con grande intelligenza.

Perché la buona comunicazione può essere fine. Oltre che mezzo.